Occhi sul diabete - Tieni gli occhi aperti su di te

La terapia del diabete

Il diabete è una condizione cronica. Non si 'guarisce' dal diabete. Se non si interviene, la glicemia, vale a dire la concentrazione di zucchero nel sangue tende ad aumentare.

Nel diabete di tipo 1 la persona perde rapidamente la sua capacità di produrre insulina, un ormone necessario per la vita. Deve quindi assumerlo dall'esterno ogni giorno attraverso diverse iniezioni o in modo continuativo attraverso un microinfusore.

Nel diabete di tipo 2 la capacità di produrre insulina non viene persa immediatamente. In una prima fase l'organismo riduce la sua capacità di utilizzare l'insulina prodotta (insulinoresistenza). Il pancreas, che all'inizio compensa il fenomeno aumentando la produzione di insulina, perde gradualmente la sua capacità di produzione.

La terapia del diabete di tipo 2 punta allora:

  • a ridurre l'insulinoresistenza
  • a rallentare l'evoluzione del diabete

Questi obiettivi si raggiungono in primo luogo migliorando le abitudini di vita: ridurre la sedentarietà, aumentare l' esercizio fisico, ridurre la quantità di calorie in generale e di grassi animali in particolare. A questo si può aggiungere una terapia farmacologica svolta attraverso l'assunzione quotidiana per lunghi periodi o a vita di determinate classi di farmaci. 

 

Effetti a 360°

Alla persona con diabete non si suggeriscono generalmente 'diete' o 'sacrifici' di breve termine. La sfida che il diabete pone è quella di far crescere le proprie abitudini selezionando quelle più salutari e abbandonando gradatamente quelle che non lo sono: riscoprire il piacere del movimento o dei cibi sani e naturali per esempio, rinunciando sempre più spesso alla 'comodità' dell'auto, del divano o al  gusto facile e pesante di un pasto ricco di grassi.

Non si tratta di una sfida da poco. In compenso però le scelte richieste dal diabete permettono di prevenire e combattere in modo molto efficace anche altre condizioni: l'ipertensione prima di tutto o l'eccessiva coagulazione e soprattutto vedrà ridursi il sovrappeso che è probabilmente la base di molti fattori di rischio cardiovascolare.

 

Automonitoraggio e Autocontrollo

La persona con diabete ha una opportunità unica, può controllare da casa o ovunque, in pochi secondi, la variabile chiave del suo diabete: la glicemia. Basta una gocciolina microscopica di sangue posata su una striscia reattiva e inserita in un lettore grande come un cellulare per conoscere e memorizzare la concentrazione di zucchero nel sangue.

La frequenza dei controlli verrà concordata con il diabetologo e personalizzata in relazione al tipo di terapia praticata e allo stile di vita. Tenere un diario giornaliero in cui siano annotati tutti i valori glicemici riscontrati e, ancor più, tutti gli elementi che ad essi possono correlarsi (alimentazione, esercizio fisico, eventi stressanti, attività lavorativa, tempo libero, etc), risulta di grandissima utilità sia per il medico, che può più facilmente scegliere e modulare la terapia più idonea, sia per la persona con diabete, che può rendersi conto dell'andamento delle sue glicemie in rapporto al suo vivere quotidiano. Può toccare con mano come, ad esempio, l'esercizio fisico l'abbia aiutata ad abbassare la glicemia (sia nell'immediato sia a distanza) e, viceversa, come certi alimenti abbiano innalzato la glicemia e altri (per esempio l'aggiuta di una porzione di verdura abbondante nel pasto) l'abbiano tenuta più sotto controllo. In questo modo si arriva al vero autocontrollo del diabete e si diventa protagonisti della propria salute.

 


Redatti a scopo divulgativo e verificati da un team di Specialisti, questi testi rappresentano un primo orientamento per chi vuole sapere di più sul diabete. Non possono essere utilizzati come una indicazione medica. Non rappresentano, inoltre, una posizione ufficiale di Diabete Italia (che non ha titolo per farlo) né delle Società Scientifiche o Associazioni fra persone con diabete che la compongono.

La campagna 2016

Scopri la campagna di informazione sul diabete realizzata per l'edizione 2016 della Giornata Mondiale del Diabete.